Protesi

Protesi fissa e mobile per una dentatura perfetta

Nello studio odontoiatrico di Avellino troverai il tuo nuovo sorriso

I nostri dentisti esperti sapranno consigliarti la soluzione più giusta per il tuo caso. Protesi fisse o mobili, totali o parziali: ad ognuno assicuriamo un sorriso davvero smagliante.

Chiama ora

Le protesi removibili

Con il termine “protesi mobile” si intendono tutte le protesi per la sostituzione di intere arcate o parti di essa. Sono definite mobili in quanto possono essere rimosse facilmente dal paziente durante l’arco della giornata.

favion64dente

Protesi mobile totale

La protesi totale rientra tra i dispositivi afisiologici, in quanto i carichi masticatori vengono completamente scaricati sulla mucosa e sull’osso sottostante, perché denti residui o radici vengono a mancare (edentulia). La protesi totale ha il compito di ristabilire completamente le funzioni masticatorie. Nell’esecuzione di questa protesi bisogna rispettare il profilo del viso (profilo facciale). Essa è meglio definita “mobile totale” in quanto risulta essere un dispositivo che il paziente stesso può rimuovere e reinserire in qualsiasi momento della giornata.
È un dispositivo atto a sostituire intere arcate ormai edentule, costituito da una struttura di sostegno in resina acrilica. I denti utilizzati sono denti del commercio sia in ceramica (poco utilizzati) che in resina acrilica o composita. Con i denti prodotti attualmente si ottengono ottimi risultati estetici: fondamentale è l’abilità dell’odontotecnico che, in particolare per i denti frontali, riesce a conferire alla protesi un aspetto naturale che ben si adatti al viso e alle espressioni del paziente.
È possibile ricorrere alla chirurgia implantare, se la sella edentula risulta poco rilevata o comunque per aumentare la ritenzione della protesi totale e se la quantità di osso residuo è sufficiente. In tal caso verrebbero inseriti nella cresta edentula degli impianti con funzione di ancoraggio (in genere per la tecnica overdentures con ritenzione sferica, nell’arcata inferiore vengono inseriti 2 impianti nella zona dei canini).


favion64dente

Protesi mobile parziale

La protesi parziale si àncora tramite ganci o attacchi ai denti rimanenti. Quando la protesi parziale ha una struttura di sostegno metallica viene definita protesi scheletrica o scheletrato e se mista con attacchi di precisione su elementi pilastro viene detta protesi combinata. Si può realizzare anche una protesi tipo scheletrato in resina acetalica o termopressata senza ganci in metallo. È anche realizzabile una protesi Flexite, a base di nylon e quindi senza metallo e con caratteristiche di biocompatibilità e flessibilità.



Protesi termoplastica

E’ una Protesi Mobile in nylon termoplastico flessibile dalle particolari proprietà fisiche, chimiche e meccaniche, per realizzare protesi rimovibili. Estetico e biocompatibile: le protesi in Nylon Termoplastico non si notano perchè non hanno ganci in metallo, sono più sottili e il nylon lascia trasparire il colore naturale dei tessuti, inoltre è un materiale biocompatibile che non contiene monomero.
Flessibile e Comodo: è una protesi ELASTICA che, grazie alla sua estrema leggerezza(circa 4 volte meno delle protesi in resina acrilica), non causa riassorbimento osseo. aderisce alla mucosa ed è comoda da indossare.
Resistente: la protesi è flessibile resistentissima e difficilmente subisce rotture grazie alla flessibilità, inoltre utilizzandola normalmente è resistente ai colpi ed alle cadute.
Questo prodotto è il materiale più leggero rispetto alle protesi mobili tradizionali,tanto che la tua protesi può essere fabbricata con spessori prima inimmaginabili (1,2-0,8 mm, cioè 4-5 volte più leggera di una protesi in acrilico. Inoltre essendo un materiale completamente inerte è particolarmente consigliato per tutti i pazienti che presentano reazioni allergiche alla resina acrilica.

Protesi scheletrata con ganci

E’ solitamente meno costosa rispetto alla protesi con attacchi di precisione, la sua realizzazione comporta tempi più rapidi. I ganci di metallo possono, tuttavia, essere visibili quando si sorride. Inoltre, i denti naturali su cui poggiano i ganci, se non ricoperti da corone possono cariarsi; per questo motivo sono indispensabili visite di controllo regolari e un’igiene orale molto accurata.


Protesi scheletrata con attacchi di precisione

Gli attacchi di precisione offrono maggiore stabilità alla protesi rispetto ai ganci ed esteticamente non sono visibili. E’ necessario, in questo caso, ricoprire i denti naturali che supportano la protesi con delle corone o ponti in cui si inseriranno gli attacchi della protesi mobile scheletrata (si parla così di PROTESI COMBINATA, in quanto costituita da una parte fissa). La realizzazione di questo tipo di protesi ha un costo maggiore e richiede più tempo della protesi mobile con ganci. Vi consiglieremo il tipo di protesi più adatta in base alle vostre esigenze ed alla condizione di denti e gengive.


Domande frequenti

Mi abituerò al nuovo tipo di protesi?
Durante le prime settimane potreste sentire la vostra protesi come scomoda e voluminosa; man mano che vi abituerete, questi disagi diminuiranno. Inserire e togliere la protesi richiederà, inizialmente, un po’ di pratica; può essere utile farlo davanti ad uno specchio. La protesi dovrebbe inserirsi con relativa facilità, evitate di forzarla portandola in posizione masticandoci sopra; ciò potrebbe curvarne o romperne i ganci o gli attacchi di precisione o i ganci a filo per la mobile tradizionale o anche i ganci in materiale termoplastico.
Riuscirò a mangiare con la nuova protesi?
Inizialmente, mangiare con la nuova protesi richiederà un po’di pratica; osservate questi accorgimenti:
- iniziate mangiando cibi teneri e/o tagliati a piccoli pezzi;
- masticate lentamente usando contemporaneamente ambedue i lati della bocca, in modo da mantenere la stessa pressione sulla protesi;
- evitate cibi duri o che si attaccano alla protesi.
Cambierà il mio modo di parlare?
A volte è difficile parlare chiaramente quando mancano dei denti; quindi, sostituendo i denti mancanti, una volta che vi sarete adattati alla nuova protesi, il vostro modo di parlare migliorerà. Inizialmente sarà infatti necessario un po’ di esercizio; potete aiutarvi leggendo e ripetendo a voce alta le parole più difficili, eventualmente davanti ad uno specchio. Giorno dopo giorno, vi abituerete alla nuova protesi e parlerete in modo sempre più chiaro e naturale.

Le protesi removibili

Con il termine “protesi mobile” si intendono tutte le protesi per la sostituzione di intere arcate o parti di essa. Sono definite mobili in quanto possono essere rimosse facilmente dal paziente durante l’arco della giornata.

favion64dente

Protesi mobile totale

La protesi totale rientra tra i dispositivi afisiologici, in quanto i carichi masticatori vengono completamente scaricati sulla mucosa e sull’osso sottostante, perché denti residui o radici vengono a mancare (edentulia). La protesi totale ha il compito di ristabilire completamente le funzioni masticatorie. Nell’esecuzione di questa protesi bisogna rispettare il profilo del viso (profilo facciale). Essa è meglio definita “mobile totale” in quanto risulta essere un dispositivo che il paziente stesso può rimuovere e reinserire in qualsiasi momento della giornata.
È un dispositivo atto a sostituire intere arcate ormai edentule, costituito da una struttura di sostegno in resina acrilica. I denti utilizzati sono denti del commercio sia in ceramica (poco utilizzati) che in resina acrilica o composita. Con i denti prodotti attualmente si ottengono ottimi risultati estetici: fondamentale è l’abilità dell’odontotecnico che, in particolare per i denti frontali, riesce a conferire alla protesi un aspetto naturale che ben si adatti al viso e alle espressioni del paziente.
È possibile ricorrere alla chirurgia implantare, se la sella edentula risulta poco rilevata o comunque per aumentare la ritenzione della protesi totale e se la quantità di osso residuo è sufficiente. In tal caso verrebbero inseriti nella cresta edentula degli impianti con funzione di ancoraggio (in genere per la tecnica overdentures con ritenzione sferica, nell’arcata inferiore vengono inseriti 2 impianti nella zona dei canini).


favion64dente

Protesi mobile parziale

La protesi parziale si àncora tramite ganci o attacchi ai denti rimanenti. Quando la protesi parziale ha una struttura di sostegno metallica viene definita protesi scheletrica o scheletrato e se mista con attacchi di precisione su elementi pilastro viene detta protesi combinata. Si può realizzare anche una protesi tipo scheletrato in resina acetalica o termopressata senza ganci in metallo. È anche realizzabile una protesi Flexite, a base di nylon e quindi senza metallo e con caratteristiche di biocompatibilità e flessibilità.



Protesi termoplastica

E’ una Protesi Mobile in nylon termoplastico flessibile dalle particolari proprietà fisiche, chimiche e meccaniche, per realizzare protesi rimovibili. Estetico e biocompatibile: le protesi in Nylon Termoplastico non si notano perchè non hanno ganci in metallo, sono più sottili e il nylon lascia trasparire il colore naturale dei tessuti, inoltre è un materiale biocompatibile che non contiene monomero.
Flessibile e Comodo: è una protesi ELASTICA che, grazie alla sua estrema leggerezza(circa 4 volte meno delle protesi in resina acrilica), non causa riassorbimento osseo. aderisce alla mucosa ed è comoda da indossare.
Resistente: la protesi è flessibile resistentissima e difficilmente subisce rotture grazie alla flessibilità, inoltre utilizzandola normalmente è resistente ai colpi ed alle cadute.
Questo prodotto è il materiale più leggero rispetto alle protesi mobili tradizionali,tanto che la tua protesi può essere fabbricata con spessori prima inimmaginabili (1,2-0,8 mm, cioè 4-5 volte più leggera di una protesi in acrilico. Inoltre essendo un materiale completamente inerte è particolarmente consigliato per tutti i pazienti che presentano reazioni allergiche alla resina acrilica.

Protesi scheletrata con ganci

E’ solitamente meno costosa rispetto alla protesi con attacchi di precisione, la sua realizzazione comporta tempi più rapidi. I ganci di metallo possono, tuttavia, essere visibili quando si sorride. Inoltre, i denti naturali su cui poggiano i ganci, se non ricoperti da corone possono cariarsi; per questo motivo sono indispensabili visite di controllo regolari e un’igiene orale molto accurata.


Protesi scheletrata con attacchi di precisione

Gli attacchi di precisione offrono maggiore stabilità alla protesi rispetto ai ganci ed esteticamente non sono visibili. E’ necessario, in questo caso, ricoprire i denti naturali che supportano la protesi con delle corone o ponti in cui si inseriranno gli attacchi della protesi mobile scheletrata (si parla così di PROTESI COMBINATA, in quanto costituita da una parte fissa). La realizzazione di questo tipo di protesi ha un costo maggiore e richiede più tempo della protesi mobile con ganci. Vi consiglieremo il tipo di protesi più adatta in base alle vostre esigenze ed alla condizione di denti e gengive.


Domande frequenti

Mi abituerò al nuovo tipo di protesi?
Durante le prime settimane potreste sentire la vostra protesi come scomoda e voluminosa; man mano che vi abituerete, questi disagi diminuiranno. Inserire e togliere la protesi richiederà, inizialmente, un po’ di pratica; può essere utile farlo davanti ad uno specchio. La protesi dovrebbe inserirsi con relativa facilità, evitate di forzarla portandola in posizione masticandoci sopra; ciò potrebbe curvarne o romperne i ganci o gli attacchi di precisione o i ganci a filo per la mobile tradizionale o anche i ganci in materiale termoplastico.
Riuscirò a mangiare con la nuova protesi?
Inizialmente, mangiare con la nuova protesi richiederà un po’di pratica; osservate questi accorgimenti:
- iniziate mangiando cibi teneri e/o tagliati a piccoli pezzi;
- masticate lentamente usando contemporaneamente ambedue i lati della bocca, in modo da mantenere la stessa pressione sulla protesi;
- evitate cibi duri o che si attaccano alla protesi.
Cambierà il mio modo di parlare?
A volte è difficile parlare chiaramente quando mancano dei denti; quindi, sostituendo i denti mancanti, una volta che vi sarete adattati alla nuova protesi, il vostro modo di parlare migliorerà. Inizialmente sarà infatti necessario un po’ di esercizio; potete aiutarvi leggendo e ripetendo a voce alta le parole più difficili, eventualmente davanti ad uno specchio. Giorno dopo giorno, vi abituerete alla nuova protesi e parlerete in modo sempre più chiaro e naturale.

Le protesi fisse

Qual’è il segreto di un viso luminoso e attraente? Non la sola bellezza, ma uno sguardo fiero di un bel sorriso. Oggi l’Odontoiatria dispone di tecniche e materiali per le protesi dentarie sempre più affidabili, maneggevoli e sicuri che permettono di rispondere in maniera adeguata alle giustificate richieste estetiche dei pazienti. Le nostre protesi dentali vengono costruite dai migliori specialisti in Odontotecnica che collaborano con lo studio tutte con tecnologia CAD-CAM, computer assistita. Perciò il compito dell’odontoiatra moderno consiste nel ripristino della funzionalità dentale ridonando bellezza ed armonia al sorriso del nostro paziente.

La Protesi fissa è un dispositivo dentale progettato dall’Odontoiatra, in base a delle caratteristiche anatomiche e funzionali che deve assolvere. Si può ricorrere a tali tipi di protesi in mancanza di uno o più elementi dentari, oggi cosa veramente fantastica anche in mancanza di tutti gli elementi dentari.
La caratteristica più importante della protesi dentaria fissa è l’impossibilità della rimozione in quanto stabilizzata ai denti naturali o agli impianti dentali per mezzo di materiali fissanti. La soluzione a questo è la Protesi dentale Fissa.
La protesi fissa sia su denti naturali che su impianti si suddivide in quattro categorie


favion64dente

Ponti dentali

favion64dente

Corone dentali singole

favion64dente

Intarsi in composito

favion64dente

Faccette in ceramica


Ponti dentali

L’assenza di uno o più elementi dentali può essere risolta con la realizzazione di un ponte dentale ancorato ai denti adiacenti o a pilastri implantari. Le corone dentali e i ponti dentali possono essere di due tipi:
ponti dentali e corone dentali in metallo-ceramica
ponti dentali e corone dentali in ceramica integrale senza metallo
Le corone dentali e i ponti dentali in metallo-ceramica sono costituiti da un’anima metallica su cui viene stratificata della ceramica.

Lo svantaggio più grosso della protesi fissa in metallo-ceramica è la mancanza di traslucenza a livello gengivale, poiché i raggi della luce incidente, diversamente dal dente naturale, vengono bloccati dalla presenza del metallo sottostante, e questo, anche in corone ben eseguite provoca frequenti inestetismi facendo apparire con il passare del tempo il classico bordino nero ai margini della gengiva.
Questi problemi, associati alle esigenze estetiche sempre crescenti della nostra epoca, hanno portato a produrre corone dentali in ceramica integrale (metal free), che hanno permesso di ottenere risultati eccellenti nell’estetica dentale proprio perché prive di anima metallica. Le protesi dentarie fisse in ceramica integrale, in zirconio ceramica o disilicato di litio riproducono il colore e la trasparenza del dente naturale.

Corone dentali singole (capsule)

Le corone dentali sono protesi dentarie che possono sostituire precedenti restauri coronali incongrui o che rivestono completamente un dente compromesso da lesioni dovute a carie dentale.

Intarsi in composito

Un’ alternativa più economica alla corona singola (capsula), nei denti posteriori, è l’intarsio in composito. In caso di carie estese (quando sono piccole si eseguono semplici otturazioni dirette) su premolari e molari anziché tutto il dente, e quindi sacrificare anche smalto e dentina, si può eliminare il tessuto infetto e rimpiazzarlo con dei piccoli intarsi (“otturazioni” indirette) costruiti, dopo aver preso una mini impronta, nel laboratorio odontotecnico. Tali intarsi andranno a ripristinare l’anatomia originale. Gli intarsi si suddividono in Inlay, Onlay eOverlay (vedi immagine) in base alla loro estensione e possono essere costruiti in composito o in ceramica; quest’ultimi non vengono più utilizzati in quanto troppo costosi.

Faccette dentali

Tante persone vorrebbero un sorriso più luminoso, pulito e attraente, ma si ritrovano con i denti anteriori – i cosiddetti “denti del sorriso” – macchiati, ingialliti, storti, spaziati.
Oggi bastano pochi appuntamenti dal dentista per risolvere tutti questi problemi con una soluzione esteticamente e tecnicamente perfetta, le cosiddette faccette dentali di ceramica o porcellana.
Le faccette dentali sono sottilissime lamine in ceramica che vengono attaccate ai denti per migliorarne l’aspetto in modo davvero radicale. A differenza di ponti dentali e corone, la porzione di dente sacrificata all’applicazione delle faccette in ceramica è davvero minima (in media 0.5 mm di spessore del dente), e il risultato finale non solo è esteticamente perfetto, ma anche solido e durevole nel tempo.
Con le faccette dentali in ceramica si possono ottenere questi risultati:

  • effetto sbiancante dei denti
  • chiusura degli spazi interdentali (o diastema)
  • allungamento dei denti
  • modificazione e miglioramento dell’estetica dentale
  • riallineamento dei denti
  • Dal punto di vista dell’estetica dentale, faccette dentali rappresentano una valida alternativa alle corone e garantiscono risultati migliori delle cosiddette otturazioni bianche (in materiale composito): non solo richiedono un approccio molto meno invasivo per modificare il colore, la forma o la dimensione di un dente, ma al pari delle corone possono mascherare una serie di difetti indesiderabili quali le macchie dovute all’uso di antibiotici in età adolescenziale, fumo, bevande, gli inestetismi dovuti a traumi, carie, trattamenti canalari, otturazioni in amalgama che nel tempo sono diventate scure e antiestetiche, spazi interdentali troppo ampi, denti fratturati, usurati, troppo corti o di forma inadatta(conoidi), leggermente storti o sovrapposti.

    Le faccette dentali hanno visto la luce negli anni ’80, ma solo in tempi recenti i sostanziali miglioramenti nei materiali e negli adesivi ne hanno fatto una tecnica sicura e sempre più diffusa. Le faccette dentali in ceramica sono resistentissime, non si macchiano neppure se il paziente è un forte fumatore e non richiedono una manutenzione particolare: l’uso quotidiano di spazzolino, dentifricio e filo interdentale – ossia la normale routine di igiene orale – è sufficiente a garantirne la durata.